Gaetano Maria Russo con i suoi collaboratori

In questi giorni di insurrezione con, con l’attacco e il vilipendio dei monumenti, ci si sta interrogando sul ruolo importante che deve rivestire l’arte.

L’icono-clastia ( dal greco  klastÓs, “rotto,spezzato”) è quel movimento che sin dall’antichità dei tempi ha la lo scopo di distruggere le effigi le icone le immagini affinchè si dimenticasse o non si idolatrasse qualcuno.

In realtà prima dell’iconoclastia esisteva la damnatio memoriae quella condanna che si decretava a Roma in casi gravissimi dove per tale effetto si cancellava ogni ricordo, ritratto iscrizioni e così via. 

Noi di tramandars, siamo un collettivo di ragazzi che dal 2017 cercano, come dice il nome stesso, di “Trasmettere e tramandare l’arte e la cultura nei luoghi storici” e siamo profondamente delusi da questo atteggiamento distruttivo da parte di persone che dovrebbero combattere per un mondo migliore.

Per noi l’iconoclastia non può portare benefici, non si può pretendere di rimuovere il passato perché quest’ultimo è l’unico segno di ciò che siamo stati.
La nostra società nel tempo è cambiata come anche i suoi valori portanti, fortunatamente, ma trovo assurdo che negli anni 20’ del 2000 bisogna ancora valutare una persona nella sua interezza per dover essere giudicata in un singolo campo.
Ad esempio Maradona è il più grande giocatore di tutti i tempi per quello che ha dimostrato in campo e non fuori nella sua vita privata e penso sia giusto venga ricordato principalmente per il suo modo di accarezzare e “tirare”  il pallone e non altro.
La sua genialità era legata solo ed esclusivamente a quella sfera e non alla sregolatezza di quella privata.
Se si è grandi professionalmente non necessariamente bisogna essere grandi anche nei valori e nelle proprie azioni sociali , per essere ricordati.
Il caso Indro Montanelli, è solo l’ultima di una lunga serie di storie. 
Lasciando stare che non pensiamo sia giusto giudicare un uomo del passato con gli occhi di oggi,
quella statua, è situata in un giardino pubblico di Milano, per ricordare che è stato un grande giornalista, non certamente un grande uomo e va valutata per questo e non per altro.

Montanelli per noi potrebbe essere anche il peggiore degli  uomini  sulla faccia della terra  ma non si può negare il suo contributo giornalistico e letterario dato all’Italia, inoltre il giornalismo e la scrittura sono una misura della propria  vista e non delle cose in sé. Non possiamo pretendere che in un mondo imperfetto come il nostro debbano esserci persone custodi di un bene assoluto in tutti gli aspetti della loro vita e crediamo che esista un briciolo di bene anche nelle persone più malvagie.

L’arte ha il compito di creare quei ricordi personali alla base della memoria comune.

La prima opera d’arte pubblica che abbiamo commissionato all’artista internazionale Francisco Bosoletti è proprio per questo una cappella votivo alla Memoria “ Mnemosine” madre delle muse.

L’arte non deve istruire(in-serire) ma educare (ex-ducere) tirare fuori da ognuno di noi, anche la capacità di valutare e giudicare le cose singolarmente e non sempre nella loro totalità.

Non crediamo sia giusto distruggere le statue o i monumenti che ricordano  grandi personaggi che hanno fatto la storia, che hanno avuto rapporti controversi col razzismo e lo schiavismo.
L’arte deve erigere monumenti, la Cultura invece ad osservarli, da  più punti di vista, deve aiutarci ad  essere critici su una cosa o una persona, a non dimenticare (levare dalla mente – dalla memoria )  i loro lati oscuri ma anche ricordare ( re-cordo “ cor-cordis “Cuore” ) riportare al cuore ciò che hanno fatto di bene al mondo in epoche remote.

Noi vogliamo che si realizzino continuamente monumenti.

Diciamo no all’icono-clastia e si all’icono-plasia.

Non preferiamo distruggere ma creare, 

perché in fondo sarà sempre più bello 

amare che odiare.

Condividi su
Facebook
Condividi su
Google+
Condividi su
Twitter
Condividi su
WhatsApp

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenti

    Iscriviti alla newsletter

    Rimani costantemente aggiornato sulle uscite di nuovi articoli, edizioni e molti altri eventi nell'ambiente universitario e non!